Categoria: News

Entrepreneur working with bills

Taglio da 600 milioni di euro nelle bollette dei prossimi tre mesi per le PMI

Il governo Draghi ha mantenuto la promessa: ad Aprile il taglio da 600 milioni di euro per le bollette e per il canone Rai delle piccole e medie imprese, è diventato realtà.

L’ARERA, che si occupa del controllo dei settori dell’energia elettrica, del gas naturale, dei servizi idrici, del ciclo dei rifiuti e del telecalore, lo chiarisce in una nota.

L’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente, infatti, fa sapere di aver ha approvato la delibera attuativa del decreto-legge “Sostegni”, che andrà a ridurre di 600 milioni di euro le bollette per le piccole imprese.

Del provvedimento beneficeranno circa 3,7 milioni di PMI in bassa tensione, quali piccoli esercizi commerciali, artigiani, bar, ristoranti, laboratori, professionisti e servizi e porterà a una riduzione della spesa nei mesi di aprile, maggio e giugno.

Tale contrazione sarà percentualmente maggiore per gli esercizi commerciali costretti a chiusura dalle misure di contrasto all’epidemia in quanto l’intervento è programmato per ridurre le quote fisse della fattura energetica.

Come funziona?

Le nuove disposizioni – che vanno a sostituire le riduzione di oneri previste dal decreto Ristori – prevedono uno sconto concreto del 30%:
– sulle bollette dell’elettricità per la durata di tre mesi, dal 1° aprile al 30 giugno, con riferimento alle voci della bolletta identificate come “trasporto e gestione del contatore” e “oneri generali di sistema”,
– sul canone Rai per tutto il 2021.

In concreto lo sconto arriverà a valere circa 70 euro al mese per un piccolo imprenditore con una utenza di 15 kilowatt e sarà notevolmente significativo per gli esercizi commerciali ancora costretti alla chiusura, in quanto ridurranno la spesa totale della bolletta fino al 70 % (ossia sulle spese fisse).

Se sei una PMI e sei stanco di navigare a vista tra le altalene dei costi delle utenze, abbiamo qualcosa di molto interessante da proporti per risolvere ogni tuo problema energetico!

Per risparmiare sulla prossima bolletta dai un’occhiata a questo link!
https://referenziamoci.it/lp/come-risparmiare-sulla-prossima-bolletta/#close

Leggi tutto
Mother with her little son by solar panels

La stagione dell’efficientamento energetico entra nel vivo!

Vogliamo raccontarvi perché lo sconto in fattura e la cessione del credito a banche e intermediari finanziari rappresentano una rivoluzione nel panorama degli investimenti energetici.

Si tratta di strumenti di detrazione fiscale che permettono di liberare il contribuente dal pagamento diretto del prezzo dell’intervento di riqualificazione degli immobili.

Finora, il cliente che era in possesso dei requisiti di accesso all’Ecobonus 110%, 65%, 50%, al Sismabonus, al Superbonus o al Bonus Ristrutturazione, doveva pagare l’impiantista per poi ottenere una restituzione dell’importo corrisposto mediante tramite un meccanismo decennale di ricalcolo della detrazione fiscale.

Per esempio: se il sig. Melis sceglieva di costruire un impianto fotovoltaico sul tetto della propria villetta per un valore di 10.000€ sfruttando l’Ecobonus 50%, l’Agenzia delle Entrate procedeva alla restituzione del 50% di quanto speso in 10 anni (ossia 5.000€), tramite delle detrazioni sulle tasse IRPEF versate allo Stato (500€ all’anno).

In questo caso, il limite era quello di dover liquidare all’impresa la cifra pattuita entro la fine dei lavori, per vedersi restituire in seguito i soldi, nella forma di un minor prelievo di tasse.

Il motivo per cui questi strumenti sono stati introdotti è stato quello di alleggerire il contribuente dal pagamento immediato della cifra pattuita per i lavori: in che modo?

Riprendiamo l’esempio precedente per spiegare come funzionano lo sconto in fattura e la cessione del credito.

Il sig. Melis oggi può scegliere:
– nel caso dello sconto in fattura, spenderebbe di tasca sua solo 5.000 € mentre il restante 50% dei 10.000 € lo anticiperebbe l’impresa che a sua volta lo recupererebbe pagando meno tasse in futuro.
– nel caso di cessione del credito, invece di chiedere lo sconto direttamente dall’impresa, il sig. Melis potrebbe pagare l’impresa e presentare le fatture ad un istituto finanziario per cedergli il credito.

La potenza di questi strumenti è rappresentata dalla possibilità di cedere illimitatamente il credito agli intermediari finanziari.
Siccome sappiamo che le banche non sono istituti di beneficienza , c’è da chiedersi cosa ci guadagnano!
La risposta è semplice ed è nascosta nel meccanismo di funzionamento della detrazione.
Se il sig. Melis accede al bonus del 110%, le banche gli anticipano il 100% che recuperano nei seguenti 5 anni, guadagnando altresì anche quel 10% di cui il sig. Melis non approfitta, perché preferisce non spendere i soldi di tasca sua.

Ma fino a quando è possibile sfruttare questa imperdibile occasione?
Lo sconto in fattura e la cessione del credito sono validi per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2021 e interessano tutti i bonus dell’Agenzia delle Entrate, fatta eccezione per il bonus mobili e il bonus verde.
Per quanto riguarda il Superbonus 110%, addirittura si parla di tutto il 2022.

Quali sono i principali vantaggi offerti da questi strumenti di detrazione fiscale?
– Puoi realizzare alcuni interventi pagando poco o addirittura non pagando nulla (“gratis”).
– Puoi sfruttare lo sconto in fattura anche se sei senza soldi (“incapiente”).
– Puoi scegliere come modulare lo sconto concordando un ad un trattamento “parziale” per alleggerirti solo di una part, per farti restituire l’altra sotto forma di detrazione.

Quali sono i termini per beneficiare di questi strumenti?
Lo sconto in fattura è applicabile per le spese sostenute già da luglio 2020 e per quelle che verranno effettuate fino a 30 giugno 2022.
Per i privati si deve far riferimento al criterio di cassa: non conta quando siano iniziati i lavori, ma è importante la data del pagamento della prestazione.
Per le imprese individuali, le società e gli enti commerciali, si dovrà fare riferimento, invece, al criterio di competenza come chiarito dalla circolare dell’Agenzia Entrate nr. 2/E/2020), quindi farà fede la data di fine lavori, indipendentemente dall’avvio e dalla data dei pagamenti.

A noi questi strumenti ci piacciano e ve li rendiamo accessibili in modo semplice!

Leggi tutto

Cingolani pianifica una transazione energetica stellare.

In Italia la transizione energetica passerà dall’idrogeno verde e dalla fusione nucleare.

Avete letto bene!

Il neo Ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, è convinto che il benessere energetico del paese sia scritto nelle stelle.

La fusione nucleare viene da lui definita come un treno imperdibile per il nostro Paese, perché rappresenta la fonte di energia più “rinnovabile delle rinnovabili”.

Vale la pena ricordare che le affermazioni del neo ministro stridono dinanzi al dictat imposto dall’agenzia internazionale dell’energia, che ha solennemente escluso dagli scenari al 2050, la fissione nucleare dalle soluzioni energetiche per abbattere le emissioni di CO2.

Se il nucleare desta perplessità, l’idrogeno verde è la “regina delle soluzioni” per Cingolani, in quanto la sua sostenibilità è garantita al 100%.
Il suo processo di produzione, infatti, prevede l’elettrolisi dell’acqua in speciali celle elettrochimiche alimentate da elettricità da fonti rinnovabili.

Il mix vincente di vettori energetici pensato dal neo ministro, per cui l’Italia avrà certamente un ruolo leader, prevede una cooperazione sinergica tra le diverse e consolidate fonti rinnovabili di energia.

Aspre sono state le critiche sollevate dal mondo ambientalista, in cui il ministro viene accusato di anacronismo progettuale e di dissonanza rispetto ai dichiarati piani della Comunità Europea.

Intanto, nelle prime settimane di Aprile prenderà forma la strategia nazionale che terrà conto di tutte le variabili energetiche in gioco e della delicata situazione di crisi economica in cui l’Italia si trova a causa della pandemia.

D’altronde il tempo della transizione energetica stringe e non tutte le risorse economiche possono essere destinate a rincorrere la fusione nucleare, come anche non tutte le energie rinnovabili possono essere impiegate per soddisfare la domanda energetica necessaria a sfruttare l’idrogeno verde.

Leggi tutto
Foreman and businessman at solar energy station.

Green jobs e green workers: i lavori che renderanno ricchi i professionisti!

Contro il riscaldamento globale, il mondo è pronto a schierare il suo esercito di “Professionisti Green”!

Chi sono?
La risposta ce la dà L’UNEP, organizzazione internazionale impegnata ad attuare il Programma delle Nazioni Unite per la difesa dell’ambiente dai cambiamenti climatici.

I green workers sono professionisti che scelgono di lavorare in settori come l’agricoltura, il manifatturiero, la ricerca e lo sviluppo, l’amministrazione ed i servizi che “contribuiscono in maniera incisiva a preservare o restaurare la qualità ambientale”.

Si tratta di un numero importante di lavori, ossia della fetta più grossa del mercato occupazionale.. del futuro!
Ed è questo il motivo per cui queste professioni vanno tenute sott’occhio!

Si deve tenere conto del fatto che attualmente molto Paesi scelgono di portare avanti la propria crescita economica salvaguardando il Pianeta.

Fanno ciò utilizzando politiche volte ad una eliminazione concreta delle emissioni di carbonio.

Come dobbiamo interpretare questo questo ravvedimento sostenibile?

Saranno le stesse Nazioni, nell’immediato futuro, a richiedere la disponibilità di professionisti in grado di offrire soluzioni innovative per garantire il raggiungimento degli obiettivi dell’accordo di Parigi.

Si stima, infatti, che entro il 2050 a livello globale verranno occupati almeno 42 milioni di posti di lavoro solamente nelle energie rinnovabili, senza contare tutte le attività collaterali che gravitano attorno ad esse.

Come possiamo partecipare a questo importante cambiamento?
Rivoluzionando i nostri impianti per fare uso di energia certificata green al 100%.

Possiamo scegliere aziende come ENERGIT, che s’impegna a fornire ai propri clienti energia verde prodotta esclusivamente da fonti rinnovabili sarde e certificata dal Gestore Servizi Elettrici attraverso il sistema delle Garanzie di Origine di cui dalla direttiva europea CE 2009/28/CE.

È proprio qui che entrano in gioco i green workers!

Sono questi professionisti super-esperti nel settore dell’efficientamento energetico che installeranno gli impianti fotovoltaici necessari a farci fruire dell’energia verde!


Leggi tutto
cof

Consulenza Sostenibile: fiducia, sviluppo e supporto.

Il settore delle energie rinnovabili è in costante espansione e fortunatamente oggi gode della stima che merita.
Ma non è sempre stato così.

Quando Referenziamoci Group ha preso forma, si è dovuta confrontare con dei competitor non sempre all’altezza della sfida che il mondo delle energie rinnovabili poneva loro.
Inesperienza, deficit logistici e scarsa attenzione alla clientela, hanno creato una forte sfiducia di settore.

Questo ha trasformato la nostra missione in una sfida nella sfida.
Oggi possiamo vantare il merito di essere i primi ad aver brevettato la consulenza sostenibile.
Chi si affida al nostro operato entra in un tempio le cui colonne sono: fiducia, sviluppo e supporto.

Fiducia, è il nostro mantra. La rete che abbiamo costruito si fonda su competenze consolidate, professionalità e talenti nascenti. Chi entra nel team viene investito di fiducia e per questo di responsabilità, in quanto ha il compito di prendersi cura del cliente.
Sviluppo, è il nostro obiettivo. Abbiamo in mente fin dalla partenza il punto al quale vogliamo arrivare. Per questo ci impegniamo a costruire progetti che siano a tenuta stagna e contemporaneamente flessibili.
Supporto, è la nostra proposta di valore. Ciò che ci differenzia da qualsiasi altro competitor è la capacità di intervenire tempestivamente in caso di criticità, problemi e dubbi del cliente. Per lui costruiamo un percorso semplice in cui può raggiungere i suoi obiettivi energetici.

La consulenza è uno spazio aperto di confronto in cui l’esperienza dei nostri collaboratori incontra i bisogni dei clienti e consente la nascita di rapporti validi e duraturi.
La sostenibilità si declina in tante sfumature:

  • ambientale perché riduce l’impatto di tossicità delle attività antropiche,
  • energetica perché elimina gli sprechi energetici,
  • economica perché restringe i costi legati all’utilizzo delle forniture,
  • finanziaria perché rimodula i bilanci delle aziende e delle famiglie.

Ci impegniamo a diffondere il concetto di sviluppo sostenibile perché oggi la storia ci chiama oggi a fare la differenza. La somma dei nostri piccoli risultati di ogni giorno ci ha permesso di ridurre in modo considerevole le immissioni nocive per il pianeta.

Grazie a chi ci sceglie, siamo orgogliosi di poter fare la nostra parte per migliorare il futuro di tutti.

Leggi tutto
businesswoman holding light bulb with turbine on coins and solar

Riqualificazione energetica sostenibile, anche per le tue tasche!

Il bonus è un premio di natura economica associato a condotte virtuose.

Il nostro Legislatore ha scelto di ricompensare i contribuenti più sensibili alle tematiche di sostenibilità ambientale.

Come? Attraverso una serie di agevolazioni fiscali destinate a coloro che scelgono di eseguire interventi di efficientamento energetico.

Lo strumento con cui i governi modellano i regimi di detrazioni fiscale è la Legge (soprattutto quella c.d. “di Bilancio”) ed è proprio grazie ai numerosi interventi legislativi che si sono susseguiti dal 2012 ad oggi, che sono state introdotte parecchie novità anche nel panorama energetico.
Stiamo parlando di:

  • ECOBONUS E SISMABONUS (D.L. 63/2013 – art. 14 e 16);
  • SUPER BONUS 110% (D.L.34/2020 convertito nella L. 77/2020).

Scopriamo assieme cos’è l’Ecobonus.
L’Ecobonus è la detrazione fiscale che spetta ai contribuenti che scelgono di realizzare interventi di riqualificazione di edifici esistenti, volti ad aumentare il livello di efficienza energetica degli stessi mediante l’impiego di tecnologie innovative, purché l’incremento del livello sia di almeno due classi energetiche o consenta all’impianto di raggiungere la classe più alta.

L’Ecobonus ha avuto un ruolo fondamentale nel motivare gli italiani a realizzare opere di efficientamento energetico improntato alla ecosostenibilità.

Infatti, la finestra di fruibilità di tale strumento di detrazione fiscale è stata prorogata più volte ed è attualmente aperta.

A quanto ammonta la detrazione di cui i contribuenti possono fruire?
Le detrazioni previste dall’ordinamento variano a seconda della tipologia di intervento e della presenza dei requisiti indicati dalla legge, motivo per cui avremo benefici del 50%, del 65%, del 70%, del 75%, dell’85% ed infine del 90%.

Possono beneficiare dell’Ecobonus non solo le persone fisiche direttamente coinvolte nella titolarità e nel possesso dell’immobile da riqualificare, ma anche soggetti giuridici quali condomini, società, associazioni, enti pubblici, ecc.

Il numero di interventi che rientrano in questo trattamento fiscale agevolato è davvero grande.
Se hai qualche curiosità ti consigliamo di visitare il sito: https://www.efficienzaenergetica.enea.it/detrazioni-fiscali/ecobonus.html

Per poter accedere ad una valutazione preventiva della fattibilità dell’intervento, i contribuenti che desiderano ottenere tale beneficio, devono essere in possesso dei seguenti documenti: dati catastali, titolo che dimostri il tipo di rapporto con l’immobile (proprietà, possesso, detenzione ecc.), codice fiscale o partita IVA, generalità del richiedente.

Dal momento in cui viene effettuata la richiesta da parte del contribuente, a quello in cui prenderanno avvio i lavori , le tempistiche sono molto ristrette: si tratta di un tempo massimo di un mese (in cui la pratica viene istruita tra preventivo, accettazione, fatturazione, pagamento ed esecuzione).

Eh, ma quanto mi costa?
Se ti stai facendo questa domanda, non hai letto il nostro ultimo articolo sullo sconto in fattura.
Eccoti il link https://referenziamoci.it/sconto-in-fattura-efficientamento-energetico-che-fa-risparmiare/

Il contribuente può scegliere come modellare i costi dell’intervento: la strategia migliore è quella di cercare di rispettare i requisiti per beneficiare dello sconto in fattura offerto dal proprio installatore (che praticamente si fa carico di tutte le spese senza che il cliente venga onerato di alcun costo).

Leggi tutto

Protagonisti del futuro: l’intesa che farà nascere un’economia sarda circolare e sostenibile.

Dall’amore per la Sardegna nasce un’economia alternativa e sostenibile, fatta di rapporti diretti tra le persone, di reciproco sostengo e di desiderio di innovazione.

Ma facciamo un passo indietro.
Qualche tempo fa è nata una preziosa intesa tra le aziende Ter.mo.sa. (top player nella vendita di prodotti termoidraulici), Accademia Termoidraulica (leader nella formazione di tecnici installatori termoidraulici) e Referenziamoci Group (punto di riferimento nel settore dell’efficientamento energetico sostenibile), incentrata sulla rivalorizzazione del rapporto col cliente.

L’intuizione di Angelo Lisci (fondatore di Termosa), Giuseppe Garau (coordinatore e responsabile dell’Accademia) e Giancarlo Sunda (fondatore di Referenziamoci) è stata quella di intercettare un bisogno primario del consumatore ossia quello di ottenere un servizio integrato completo (c.d. “chiavi in mano”) che elimini dalla sua mente ogni preoccupazione.

Per poter realizzare tale strumento è stato, però, necessario riappropriarsi di un economia territoriale che, condizionata dal modus operandi dei grandi competitor nazionali ed internazionali, rischia di divorare gli imprenditori locali che cercano con grande fatica e sacrificio di sopravvivere.

Ciò che accomuna i player dell’intesa è la determinazione, la capacità di portare avanti i propri sogni contro ogni avversità e di porsi obiettivi sempre molto chiari, raggiungibili solo costruendo assieme il percorso.
Referenziamoci Group si è rispecchiata nei valori di Ter.mo.sa e nella sua missione di offrire solidità, competenza e concreto interessamento verso i problemi sollevati dalla propria clientela.
Fondamentale è stato, poi, il punto di raccordo rappresentato dall’Accademia Termoidraulica che ha dato piena attuazione al progetto di porre la soddisfazione del cliente in prima linea.

Il destinatario primario dello strumento sorto grazie a questa intesa è l’installatore, ossia un cliente con un compatto background operativo che conosce i prodotti e le nuove tecnologie e che si preoccupa della propria costante formazione attraverso l’Accademia Termoidraulica.

Per questo motivo è stato costruito uno strumento in grado di coniugare l’offerta di prodotti e servizi ad un prezzo equo (che faccia dimenticare ai consumatori la svilente logica “strappaprezzi”, senza però imporre al destinatario un onere troppo gravoso per le sue tasche), alla possibilità di accedere ad una formazione tecnica di alto profilo che garantisca ai clienti-finali solidità, professionalità e elevati livelli di competenza.

L’intesa si struttura in maniera semplice: Referenziamoci offre un servizio di consulenza che si esplica attraverso l’acquisizione della documentazione e la gestione operativa delle pratiche aperte da Termosa ed dagli Installatori (frequentatori anche dell’Accademia Termoidraulica), aventi ad oggetto il servizio chiavi in mano realizzato a favore dei clienti finali, a cui viene applicato lo sconto in fattura per interventi che rientrano nella disciplina dell’Ecobonus e del Superbonus.

In questo modo gli Installatori vengono liberati dal peso burocratico dei propri interventi e sono supportati a 360° per tutta la fase di gestione della pratica.

Dal punto di vista operativo, per concretizzare questa strategia, si è resa necessaria la creazione di uno spazio di incontro fisico e riservato, volontariamente concesso a Referenziamoci da Ter.mo.sa. all’interno del proprio punto vendita (con sede in Via dell’Artigianato nr. 10 a Cagliari), per ottimizzare gli incontri tra i consulenti della rete Referenziamoci e gli Installatori, facilitando il lavoro degli stessi.

Infatti, gli Installatori che si recano da Termosa per rifornirsi dei materiali necessari alle loro installazioni, hanno la possibilità di interfacciarsi direttamente con Referenziamoci per ciò che concerne gli interventi di Ecobonus e Superbonus e per il dispiego delle relative pratiche e documentazioni, senza ulteriori spostamenti.

Il team di Referenziamoci è pronto a dare informazioni e avviare le procedure di acquisizione della documentazione necessaria per gli interventi di efficientamento energetico secondo le agevolazioni fiscali predisposte dallo Stato con Ecobonus e Superbonus.

Il progetto “chiavi in mano” funziona concretamente: l’installatore fa un primo sopralluogo dal cliente e ne verifica le esigenze; successivamente, si reca da Termosa per un preventivo per l’acquisto dei materiali, ottenuto il quale fa ingresso nel Corner di Referenziamoci, (presente all’interno di Termosa), al fine di avviare la pratica per l’accesso alle detrazioni fiscali.
Caricata la pratica su un portale, il cliente riceverà un preventivo, complessivo dei costi dei materiali, dei costi dell’installazione e dei costi della pratica.

Ora è più comprensibile l’obiettivo di creare un’economia circolare e sostenibile: il progetto stuzzicherà un flusso che vedrà coinvolte più personalità a più livelli (installatori sardi, aziende sarde) con un investimento circolare di risorse che contribuiscono ad alimentare e incentivare l’economia sarda.

Leggi tutto

Lo sconto in fattura: l’efficientamento energetico che ti ristruttura il portafoglio

Il 2020 ci ha insegnato l’importanza di vivere in un ambiente confortevole. Il 2021 ci permetterà di entrare in una nuova era di efficientamento energetico: finalmente anche gli immobili più inospitali saranno all’altezza di soddisfare ogni nostra esigenza.

Tutto ciò grazie allo sconto in fattura!

Per chi non lo conoscesse, si tratta di uno strumento che il Legislatore ha introdotto con l’art. 10 del D.L. nr. 34 del 2019 – Decreto Crescita – e che viene richiamato anche dall’art. 121, comma 1, del Decreto Rilancio in materia di Superbonus 110%.

Tale provvedimento, grazie alle modifiche all’art. 14 (che parla di Ecobonus) e all’art. 16 (in tema di Sismabonus) del D.L. nr. 63 del 2013, introduce una nuova tipologia di detrazione fiscale in materia di efficientamento energetico, che si va ad aggiungere a quella sull’IRPEF e che prende il nome di sconto in fattura.

Entrambe le agevolazioni fiscali comportano detrazioni che incidono sull’imposta lorda e vengono concesse quando si eseguono interventi antisismici o che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti.

La differenza, tuttavia, tra queste due tipologie di detrazione è notevole: mentre il rimborso fiscale sull’IRPEF grava sul contribuente perché si trova a doverlo spalmare in un arco temporale di 5 o 10 anni (così come previsto dall’Ecobonus e Superbonus), lo sconto in fattura consente di applicare al consumatore uno sconto diretto sulla fattura che andrà ad emettere il fornitore, pari all’importo totale o ad una percentuale dell’intervento di efficientamento energetico da lui realizzato!

In pratica, l’azienda che realizza l’intervento di efficientamento energetico si fa carico di anticipare al cliente, in una volta sola, la somma detraibile dalle imposte.

Il Legislatore ha creato uno strumento di detrazione fiscale che produce benefici immediati per il consumatore, il quale potrà scegliere di usufruire di uno sconto pari all’importo totale o ad una percentuale dell’intervento realizzato, direttamente sulla fattura emessa dal fornitore, dando a quest’ultimo la possibilità di recuperare dalle casse dello Stato, in compensazione, l’importo del credito.

Lo sconto viene applicato sull’importo complessivo dell’imponibile, più IVA.

Il meccanismo di funzionamento di questo importante strumento fiscale è semplice: il contributo dovuto dal cliente – pari all’importo totale od ad una percentuale del costo dell’intervento di efficientamento energetico – viene anticipato dal fornitore, il quale da un lato applica uno sconto sulla fattura rilasciata al cliente, mentre dall’altro trasforma tale importo in un credito d’imposta recuperabile direttamente dalle casse dello Stato, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti, ivi inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari.

Possono avvalersi dello sconto in fattura i seguenti contribuenti:

  • soggetti passivi IRPEF;
  • soggetti passivi IRES;
  • soggetti appartenti alla “no tax area” (si tratta di soggetti incapienti, non tenuti al versamento IPERF o per espressa previsione o perché l’imposta lorda è assorbita dalle detrazioni di cui art.13 del TUIR);
  • soggetti che sono in grado di dimostrare di aver fatto gli interventi a spesa proprie;
  • i titolari di un diritto reale sull’immobile;
  • i condomini, per gli interventi sulle parti comuni condominiali e per le singole unità abitative del condominio, gli inquilini, coloro che hanno l’immobile in comodato;
  • il familiare convivente con il possessore o il detentore dell’immobile,
  • il convivente more uxorio;
  • società di persone, società di capitali;
  • associazioni tra liberi professionisti;
  • enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciali;
  • istituti autonomi per le case popolari (IACP) avendo requisiti previsti dalla normativa Europea in materia di “house providing” (la detrazione spetta per interventi resi su immobili di loro proprietà adibiti ad edilizia residenziale pubblica);
  • le cooperative di abitazione a proprietà indivisa, per immobili da esse posseduti e assegnati in godimento dei propri soci.

I tipi di intervento per l’efficientamento energetico degli immobili che consentono di accedere allo sconto in fattura sono diversi; bisogna innanzitutto distinguere tra: Ecobonus e Superbonus.

L’Ecobonus prevede:

  • serramenti e infissi, schermature solari, caldaie a biomassa, caldaie a condensazione classe a, aliquota di detrazione del 50%;
  • riqualificazione globale dell’edificio, caldaie condensazione classe a+ sistema termoregolazione evoluto, generatori di aria calda a condensazione, pompe di calore, scaldacqua a pdc, coibentazione involucro, collettori solari, generatori ibridi, sistemi di building automation, microcogeneratori, aliquota di detrazione del 65%;
  • interventi su parti comuni dei condomini (coibentazione involucro con superficie interessata > 25% superficie disperdente), aliquota di detrazione del 70%;
  • interventi su parti comuni dei condomini (coibentazione involucro con superficie interessata > 25% superficie disperdente + qualita’ media dell’involucro), aliquota di detrazione del 75%;
  • interventi su parti comuni dei condomini (coibentazione involucro con superficie interessata > 25% superficie disperdente + riduzione 1 classe rischio sismico), aliquota di detrazione del 80%;
  • interventi su parti comuni dei condomini, (coibentazione involucro con superficie interessata > 25% superficie disperdente + riduzione 2 o più classi rischio sismico), aliquota di detrazione del 85%;
  • bonus facciate (interventi influenti dal punto di vista termico o che interessino l’intonaco per oltre il 10% della superficie disperdente complessiva totale dell’edificio).

Per una più dettagliata analisi degli interventi si rimanda al sito www.efficienzaenergetica.enea.it/detrazioni-fiscali/ecobonus.

Il Superbonus 110%, si intende applicabile a:

  • interventi di isolamento termico delle superfici opache inclinate, verticali e orizzontali;
  • interventi condominiali per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento (nel caso si installino pompe di calore reversibili) e alla produzione di acqua calda sanitaria (la detrazione spetta anche per le spese di smaltimento o bonifica dell’impianto sostituito o delle porzioni di esso);
  • interventi sugli edifici unifamiliari (o dell’unità immobiliari site all’interno di edifici plurifamiliari che siano indipendenti e dispongano di accesso autonomo all’esterno) per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, raffreddamento ola fornitura di acqua calda sanitaria, con l’aggiunta per le aree non metanizzate, dell’installazione di caldaie a biomassa con prestazioni emissive almeno pari alla classe di qualità 5 stelle (la detrazione spetta anche per le spese di smaltimento o bonifica dell’impianto sostituito).

Come puoi accedere allo sconto in fattura?

Noi di Referenziamoci Group aiutiamo il consumatore a realizzare il più congruo piando di efficientamento energetico mettendo a sua disposizione una rete di professionisti esperti e certificati.

Al primo contatto, i nostri consulenti energetici si confrontano col cliente per eliminare ogni suo dubbio e per verificare la pre-fattibilità del tipo di intervento.

Raccolta la documentazione necessaria a sviluppare la pratica e certificata la fattibilità dell’intervento, si procede allo sviluppio del progetto incaricando un’impresa esperta nel settore di realizzarlo secondo gli accordi intervenuti col cliente.

Ultimati i lavori, il nostro tecnico procederà ad asseverare il raggiungimento degli standard di efficientamento energetico, di modo che il credito d’imposta acquisito dall’impresa possa essere liquidato dall’azienda finanziatrice.

Il nostro servizio chiavi in mano, nasce per superare le obiezioni di molti clienti scottati da esperienze negative, i quali vengono resi partecipi di ogni fase dell’operazione ed ai quali non viene richiesto alcun anticipo per la realizzazione dei lavori.

Lo sconto in fattura non è mai stato così chiaro ed accessibile!

Approfittane, contattaci.

sconto fattura sconto in fattura detrazioni cagliari

sconto fattura sconto in fattura detrazioni cagliari

sconto fattura sconto in fattura detrazioni cagliari

sconto fattura sconto in fattura detrazioni cagliari

Leggi tutto
Customer service executives working in call center

Customer Service: il multicanale per creare fiducia

E-mail, live chat, social, messaggistica, FAQ, forum e altro ancora. Oggigiorno le richieste e i reclami dei clienti si muovono su molteplici canali che si aggiungono e integrano a quelli più classici come l’appuntamento di persona, la posta ordinaria e le telefonate. Un flusso quasi costante in entrata da gestire, con il customer service, in maniera rapida ed efficace.

Per questo è necessario investire su due pilastri fondamentali quando si parla di relazione col cliente: tecnologia e formazione.

Referenziamoci Group mette in campo tutta la sua competenza e tutto il suo fattore umano per fronteggiare al meglio questo delicato e importantissimo aspetto che è il Caring Service: una fitta rete di azioni volte a creare e saper utilizzare pagine social, operare un restyling moderno e adattivo del proprio sito web (o crearne uno se ancora se ne è sprovvisti), impostare una live chat e/o chat bot, potenziare il proprio back office ed il servizio mail, istituire un numero verde di assistenza, operare telefonate e appuntamenti di consulenza e/o di cortesia, selezionare figure adatte alle relazioni con il pubblico e formarle in quest’ottica.

Customer Service

Esperienza decennale in ambito commerciale e nella gestione della propria clientela

Con un’esperienza decennale in ambito commerciale e nella gestione della propria clientela, Referenziamoci Group supporta, cura e accompagna l’utente in tutte le fasi di vendita o anche di sola conoscenza dei prodotti del proprio portafoglio, trasmettendo quella fiducia necessaria per creare un rapporto che sia consolidato e duraturo nel tempo. Un rapporto che nasce dalla convinzione di correttezza, che presuppone da un lato la disponibilità dell’azienda a mantenere la parola data nei tempi e nei modi stabiliti, dall’altro che l’azienda sarà effettivamente in grado di soddisfare i desideri o di risolvere i problemi della sua clientela.

Nonostante la rapida crescita del gruppo in termini di customer service, che in qualche modo avrebbero potuto abbassare la qualità e la fruizione degli stessi, la crescita e la reputazione di Referenziamoci Group non sono mai state in discussione. Questo grazie alla strategia iniziale di affiancare sempre il livello della qualità e quantità del proprio portafoglio prodotti con quello delle sue risorse umane e degli strumenti di lavoro a disposizione.

Con dedizione e serietà Referenziamoci Group sposa una politica commerciale quasi “matrimoniale”, attenta e a lungo termine verso il proprio cliente, ed è per questo che:

  • garantisce l’analisi, la consulenza e il preventivo gratuito per il servizio richiesto, con appuntamenti standard, e disamine telefoniche e video telefoniche;
  • mette a disposizione il proprio sito web, per conoscere l’azienda, i prodotti, i suoi contatti, la sua mission e la sua vision;
  • offre un utile strumento di approccio e di primo impatto come il chat bot presente nel proprio sito e sui social, i servizi di messaggistica Whatsapp e Messanger, il Numero Verde operativo cinque giorni su sette per qualsiasi richiesta;
  • supporta con l’efficienza del proprio back office la gestione pratiche;
  • tiene in alta considerazione prima e dopo la vendita con un attento servizio di Caring.

Questo ventaglio di attenzioni per il cliente è una scelta, doverosa e responsabile, in perfetta sintonia con la tendenza di soluzioni complete che oggi richiede l’utente e che non tutti i player del mercato riescono a fornire il loro customer service. Referenziamoci Group garantisce tutto questo, dato che il suo obiettivo è quello di essere sempre funzionale, referente e dedito alla propria clientela.

Leggi tutto
Beautiful woman with mobile phone near Christmas decorated fire

Una Smart Vision: Referenziamoci, TLC e Domotica

Le telecomunicazioni, la domotica e la stessa connettività sono il presente e futuro dei nostri giorni. Quindi, scegliere una guida efficace è cruciale in un’ottica a venire, un passo necessario per restare “connessi” e non perdere l’incredibile opportunità di sviluppo che l’informatica e le telecomunicazioni offrono giorno per giorno. Eppure, districarsi in una galassia di offerte, in uno spazio sconfinato di progresso percorso da strade che si chiamano Connessioni Ultraveloci e automobili sportive della linea Domotica senza un riferimento adeguato può facilmente diventare una missione impossibile! Ci si deve infatti muovere in una giungla di slogan con prezzi al ribasso e scarsa efficacia fra scatti alla risposta, giga illimitati, comandi da remoto e tanta, tantissima confusione intorno.

Ecco perché un partner commerciale preparato è sia sinonimo di sicurezza futura sia capacità di essere al passo coi tempi. Referenziamoci Group si adopera affinché la trasparenza e l’efficacia di questi servizi siano il più funzionali e compatibili possibile alle vostre esigenze.

Il gruppo vanta un’esperienza pluridecennale nelle telecomunicazioni, una rete collaboratori e professionisti dedicati, una scelta etica e sostenibile dei fornitori, un’operatività settoriale e peculiare, un approccio informale e amichevole e un adempimento professionale di tutte le mansioni necessarie, risultando la guida e la scelta più sicura in questo universo di possibilità in continua espansione.

L’offerta varia da servizi di Telecomunicazioni e Domotica variegati e liberi da vincoli di esclusiva monomarca, perché crediamo nelle opportunità e nella competitività del mercato. Una prestazione articolata da connettività Adsl, Hdsl, Fttc, Ftth, centralini analogici, digitali, Voip, connettività mobile, telefoni fissi, smartphone, tablet, video-sorveglianza o controllo remoto che punta a soddisfare la necessità di integrare rete, servizi, velocità ed efficienza del presente e del futuro.

Un consulente dedicato sarà sempre a vostra disposizione e sarà capace di analizzare, scegliere e modulare per voi il miglior prodotto fra le innumerevoli possibilità che i nostri partner commerciali ci offrono. Una figura professionale, seria e preparata, pronta in qualsiasi momento a dare tutto il supporto necessario al cliente. Una collaborazione tra professionisti del settore, profilata per le vostre richieste di modernità e hi-tech che lavora continuamente per offrirvi quella garanzia di efficienza ad hoc, al contrario di chi vi promette il fumo di “pacchetti, contro-pacchetti e clausole in calce”, noi siamo una risposta semplice ed efficace per richieste complesse.

Per concludere, se è vero che “C‘è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti” – Henry Ford, allora a Referenziamoci Group non resta che aiutare e facilitare quanto più possibile la diffusione di tutta la tecnologia che a disposizione per un concreto progresso collettivo, e a voi, amici e clienti, di goderne di tutti i comfort derivati, per uno standard di vita sempre più elevato e per una Smart Life in una Smart City, insomma… una Smart Vision!

Leggi tutto